Select Page

Corso Instagram Marketing: io e la formazione

Corso Instagram Marketing: io e la formazione

Instagram

Adesso racconto la mia storia con Instagram.

Tutto è iniziato quasi 6 anni fa. Era la primavera del 2011, stavo su Twitter dal 19 di marzo, avevo da poco aperto un blog e iniziavo ad interessarmi ai social.

Ad un certo punto ho visto che le persone che seguivo postavano delle belle foto, chiaramente con dei filtri. Ho seguito i loro link e ho scoperto questa app tutta di immagini. Insomma si è trattato di un incontro casuale, come casuale è stata l’intera gestione del mio account in questi 6 lunghi anni.

Il mio Instagram è fatto di:

  • foto veramente brutte, e spesso sfocate e non in bolla;
  • pochissimi hashtag;
  • un mix di vita famigliare e professionale (che di fatto racconta la realtà);
  • quasi 1.500, inspiegabili, follower.

Ad un certo punto addirittura il mio account finì in un articolo, non ricordo dove, dal titolo “mamme da seguire su Instagram”.

Ora però è il momento di colmare un po’ (un po’ tante) lacune e quindi domani me ne vado a Milano a seguire il workshop sull’Instagram Marketing di Webing Academy, con un docente che stimo molto: Francesco Mattucci.

Francesco l’ho conosciuto al Beach and Love 2015 e poi ho iniziato a seguire il suo lavoro su Instagram. È creativo e spiega le cose in stampatello, come piace fare a me.

Insomma preparatevi: che da domani sera il mio Instagram sarà differente!

Nel frattempo invito tutti a seguirmi su Instagram Stories, account @MichelaCalculli, dove quasi sempre in felpa e spettinata racconto una notizia su fisco/lavoro/pensioni/economia al giorno.

About The Author

michela

Dagli studi professionali tra Milano e Torino al blog personale, passando per un'esperienza televisiva che ha segnato la svolta. Tre grandi passioni: la scrittura, il fisco, la semplicità. Sempre in equilibrio tra famiglia e professione tra comunicazione e aggiornamento fiscale.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Cosa ho imparato al Corso Instagram Marketing: la check list - Michela Calculli - […] dicevo nel post precedente, le aspettative erano alte e non sono state […]

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi