Salta al contenuto

Spesometro, reddito e lavoro: una settimana intensa

Spesometro
Fonte immagine: klimkin su pixabay.com

Questa settimana su 6sicuro.it ho scritto di reddito, lavoro e controlli del Fisco. Insomma si lavora, si guadagna e si spende (e prima o poi, molto poi, si andrà in pensione) ma… Attenzione alle spese che non hanno alcun senso rispetto a quello che guadagli. Insomma se fai un lavoro da 1.500 euro netti al mese è difficile che tu possa permetterti una Ferrari, per fare un esempio esagerato.

Sai che paghi l’IRPEF tutti i mesi?

Se sei un lavoratore dipendente, l’IPEF la paghi ogni mese sotto forma di stipendio lordo che non ti viene accreditato in busta paga. In sostanza quello che incassi è già al netto dell’imposta sui redditi delle persone fisiche e al massimo recupererai qualcosina col 730 nel caso tu abbia delle spese da detrarre. Continua…

I figli si detraggono in busta

“I figli so’ piezz ‘e core!” Ma non solo. I figli sono anche spese e sacrifici. Per questo motivo il legislatore ha deciso di garantire ai genitori delle detrazioni di imposta. Un risparmio fiscale più o meno grande a seconda del numero dei figli e dell’eventuale presenza di figli disabili in famiglia. Continua…

Tutti gli acquisiti 2015 nello Spesometro

Il 20 aprile i soggetti IVA, con alcune eccezioni, hanno trasmesso al Fisco i dati anagrafici dei propri clienti, quelli per i quali hanno emesso fattura. È il cosiddetto Spesometro, strumento di lotta all’evasione con l’obbiettivo di contrastare la pratica dell’emissione delle fatture false e di incrociare i dati di spesa con quelli di reddito dei contribuenti. Continua…

Pensione di reversibilità a rischio?

Se ne parla da qualche mese, da quando è stato lanciato l’allarme da parte di chi spulcia con attenzione i progetti di legge. La pensione di reversibilità, quella in sostanza che va a coniugi e figli del pensionato/lavoratore deceduto, potrebbe passare da beneficio previdenziale ad assistenziale, il che potrebbe escludere alcuni eredi in base al loro reddito. Continua…

Vuoi cambiare lavoro? Forse devi dare il preavviso

Lavoro dal 2002, avevo 23 anni. In questi 14 anni mi è capitato molte volte di cambiare lavoro, partendo da contratti diversi. Non sempre sei tenuto a dare il preavviso, a volte si tratta semplicemente di essere gentili con chi ti ha dato lavoro. Insomma se hai deciso di cambiare lavoro è meglio capire come muoversi. Continua…

 

Published inEconomia & fisco

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.