Salta al contenuto

Mai sentito parlare dei Minimi?

Ok, a grande richiesta provo ad aprire la rubrichetta sul Fisco in lingua corrente.
In rete di informazioni valide, validissime in materia, c’è n’è a secchiate, dappertutto.
Io tratterò alcune tematiche senza noiosi e difficili rimandi normativi e cercando di non utilizzare il burocratese, ma voglio fare una premessa: su questi argomenti occorre prima o poi giungere a degli approfondimenti seri e rigorosi che per forza di cose necessitano di riferimenti alle norme. Al termine di ogni post quindi inserirò dei link per chi vuole saperne di più. Perché non sono Lady Fisco e c’è qualcuno che ne sa sicuramente più di me.

Ho deciso di iniziare parlando di una recentissima novità che può interessare chi ha intenzione di mettersi in proprio oppure lo ha fatto da pochissimi anni.
Il nuovo regime dei contribuenti minimi. Ok, ho già disatteso le promesse e ho scritto 3 parole che usano solo Agenzia delle Entrate, Guardia di Finanza e Commercialisti.
Regime dei contribuenti minimi altro non è che una tassazione di favore per chi intraprende una nuova attività e  che per questo motivo non fattura moltissimo (cioè meno di 30.000 euro).
Si tratta di applicare un’aliquota pari al 5% contro un’aliquota IRPEF che nello scaglione più basso (per i redditi inferiori o uguali a 15.000 euro) è pari al 23%.
Questa agevolazione ha la durata di 5 anni in generale ma può durarne anche di più se chi decide di avviare l’attività ha meno di 30 anni.

Direi che non vado oltre, non sto a spiegare cosa cera prima, perché tanto non c’è più, o cosa ne penso io, perché uso altri spazi per fare politica, ma visto che la richiesta di trattare questi temi in versione light mi è arrivata da donne che lavorano o vorrebbero lavorare in proprio, mi è sembrato utile partire da qui.

Ecco il link per l’approfondimento:
La pagina dell’Agenzia delle Entrate dedicata al tema. Indico la pagina perché quel sito è una giungla e il rischio smarrimento è forte.

Se ci sono domande puntuali risponderò nei commenti a questo post.

Published inEconomia & fisco

7 Comments

  1. I minimi li conosco… mooolto da vicino! 🙂

  2. Eh sì! I regime dei minimi è molto spesso una roba da donne, visto che siamo naturalmente predisposte ad accettare compensi che molti uomini troverebbero ridicoli.

  3. Michela, ancora scusa: sono uscita e chiaramente non ero più connessa. Sarei venuta a leggere la tua risposta e rispondere domattina (a volte i miei tempi sono questi…). Ti dirò di più: hai pienamente ragione! 🙂

  4. Monica scrivi pure in chiaro.
    Uso questo post come esperimento e allora sperimentiamo!

  5. …fra l’altro pensa che noi siamo in due, cioè il 100% della famiglia, ad avere questo tipo di regime…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *