Salta al contenuto

La mitologia del merito e delle startup

facebook_1422825520268
Fonte: dantoniodaniele.it

Torino. Domenica mattina. Mensa dei poveri.
Questo è quello che ha visto e riportato il mio amico Daniele.
Un’immagine che mi tocca vedere tutti i lunedì, quando dalla scuola materna di Ernesto passiamo ai giardinetti.
Vicino ai giardinetti c’è una sede dei vincenziani e il lunedì alle 17 circa distribuiscono qualcosa: immagino cibo o vestiario. Ogni lunedì i giardinetti sono invasi dagli ultimi che si mescolano ai nostri bambini in attesa di ricevere la busta.
Di lunedì in lunedì gli ultimi si trasformano e sembrano sempre meno barboni e sempre più impiegati in pausa pranzo. Di lunedì in lunedì io penso e ripenso che finire in quella fila è un attimo.

Cambiano argomento, ma forse no.
Con il primo figlio ho visto tutto rosa per mesi, anni. Se vuoi puoi, se ti impegni riesci e via così. E così è stato: ho fatto tutto quello che ho voluto, lavorando e studiando tutti i giorni, e sono arrivata fino alla seconda gravidanza così.
Con il secondo figlio e una serie non ancora terminata di problemi famigliari la nebbia rosa si è diradata, sta scomparendo proprio. E allora no, se vuoi puoi un cavolo! Perché la vita è un insieme di eventi e di persone e tu potresti rimanere indietro per mille motivi. E se rimani indietro quella fila si avvicina.

E allora sono preoccupata perché tutta la mitologia del merito e delle startup perde di senso se devi cercare di non finire in quella fila e la politica di quella fila si sta dimenticando in un’ubriacatura di ottimismo sbandierato ovunque.

La verità è che i ricchi sono sempre più ricchi e tutti gli altri stanno diventando poveri. E la povertà oggi ha infinite declinazioni perché mentre io conosco l’ansia da ultima settimana, qualcun’altro ha dovuto dare completamente in outsourcing i propri figli o ha deciso di non averne per la carriera o l’azienda.

Nel frattempo la ricchezza non la produce quasi più il lavoro, ma facciamo finta di non saperlo e ci raccontiamo delle gran balle sul merito che vincerà su tutto.

Mai come in questi mesi sono contenta di essere italiana e non, ad esempio, statunitense. No perché tra parto e degenza del piccolo, con tutte le mie capacità, i miei studi e la mia intelligenza, oggi sarei già in quella fila e probabilmente con un figlio in meno.

Published inEconomia & fisco

Un commento

  1. Cara Michela, tu sei una donna molto in gamba (giudizio derivato da quel che ho potuto conoscerti tramite il tuo blog ed i social). Quindi, negli USA avresti avuto un enorme successo e nella fila degli ultimi non ci saresti finita.

    Detto ciò anch’io sono contento di essere italiano e di vivere in Italia. E spero proprio di non dover abbandonare questo bellissimo paese per poter vivere dignitosamente, come già in molti hanno fatto nel nostro settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.